Close

Campagna Rinnovi 2017
  • Intervista: Sviluppo della nuova BMW M3 e M4.

    tratto da M-Power.com

    Uno sguardo dietro le quinte.
    "Come si crea una icona?"

    Parte 1: Una questione di carattere.

    La berlina BMW M3, le BMW M4 Coupé e BMW M4 Cabrio sono le ultime arrivate in una lunga storia di successo. Volevamo sapere come sono nate, così abbiamo chiesto a due membri chiave del team di sviluppo di dirci di più: il product manager Christoph Smieskol e il project manager Michael Wimbeck. Nel corso della nostra intervista ci hanno dato informazioni di prima mano sulle ultime vetture M ad alte prestazioni e il modo in cui hanno aggredito le nostre strade.




    Mr Smieskol, come è iniziato lo sviluppo della BMW M3 ed BMW M4?

    Christoph Smieskol: Abbiamo iniziato chiedendoci che cosa avevamo bisogno per per garantire che la BMW ///M3 rimanesse il punto di riferimento nella sua quinta generazione. Che cosa dovremmo da fare per garantirlo?

    Poi abbiamo messo insieme un profilo del veicolo unito al punto di vista del cliente e abbiamo definito le esigenze del mercato. Abbiamo basato il processo sulla nostra esperienza della generazione precedente e le sue caratteristiche, nonché i risultati di sondaggi e previsioni di mercato e della concorrenza.

    Da questi dati siamo stati in grado di definire i requisiti di prodotto che soddisfano entrambi i requisiti di un'icona e della filosofia M.


    Christoph Smieskol (a sinistra) e Michael Wimbeck.


    Quindi, come descriveresti il carattere della nuova BMW M3 e M4?

    Michael Wimbeck: Abbiamo determinato in una fase molto precoce che volevamo che fosse qualcosa come un atleta leggero in un abito su misura. Non eravamo in cerca di un decathleta o un lottatore, ma un atleta leggero. L'abito su misura in tal senso significava che doveva essere anche universalmente accettabile. Quindi quello che volevamo era la soluzione migliore per un veicolo ad alte prestazioni in questo segmento che ha preso in considerazione anche i fattori sociali e ambientali.

    La BMW M3 e la BMW M4 sono venduti in tutto il mondo. Quanto le aspettative dei clienti variano da paese a paese?

    Christoph Smieskol: Per fortuna, il marchio BMW M è così forte che le aspettative che i clienti hanno nei vari mercati sono abbastanza coerenti. Essi hanno una chiara idea di ciò che aspettarsi da una M, il che significa che i nostri partner di mercato erano entusiasti del concetto di atleta leggero in abito su misura sin dall'inizio; erano quindi felici di seguire il nostro concept in tutta la fase di sviluppo.


    "Le aspettative che i clienti hanno nei vari mercati sono abbastanza coerenti"


    In concreto, cosa significa l'espressione 'atleta leggero' nel caso della nuova BMW M3 e M4?

    Christoph Smieskol: L'idea era quella di conservare le precedenti virtù della M3 e di espanderle: risposta agile accoppiata ad un comportamento dinamico ed agile sulla strada. Come un atleta leggero, l'attenzione si è concentrata anche sulla riduzione del peso ed invertire la tendenza verso l'aumento.

    Prevedibilità e precisione sono fattori molto importanti che hanno caratterizzato anche il veicolo precedente. La precisione di guida della BMW M3 E9x era già tagliente come un rasoio, quindi la domanda è come migliorare su questo aspetto.

    Michael Wimbeck: In effetti, non era una cosa semplice. Quando ho preso in mano il progetto, la BMW M3 E9x ancora vinceva tutti i test comparativi nei confronti dei concorrenti, alcuni dei quali erano molto più recenti.


    L'ultima BMW M3 Coupé costruita (luglio 2013).


    Poi gettiamo lo sguardo sulla storia quasi trentennale della BMW M3. La BMW M3 E46, che è stato il modello di due generazioni prima di questo, era selvaggio e un pò difficile da ammaestrare. E' la M3 più venduta di sempre, così per quanto riguarda il suo carattere è importante che la nuova vettura abbia un richiamo anche ad essa.


    BMW M3 Coupé (E46).


    Per quanto mi riguarda, questa è stata la direzione abbiamo dovuto sposare: coniugare la perfezione della BMW M3 E9x con la selvatichezza della BMW M3 E46.

    Christoph Smieskol: Volevamo affinare il suo carattere e mettere ancora più direttamente al centro l'esperienza di guida e allo stesso tempo dando alle nuove BMW M3 e M4 tutte le solite virtù M.

    Mr Smieskol, è stato in precedenza anche responsabile della BMW Serie 1 M Coupé.
    È stato il successo di quest' ultima strumentale alla vostra decisione?


    Christoph Smieskol: La BMW Serie 1 M Coupé è stato un tentativo consapevole di tornare alle radici dell'originale BMW M3. La 1 M è disponibile solo con un solo motore, un unico chassis e un solo cambio, rendendola un'esperienza di guida altamente purista. Ha reso la vettura succinta. Il cliente è stato in grado di affrontare tutto consapevolmente contro la ruvida essenza del veicolo. Si potrebbe anche chiamare, anche se un po esagerato, 'uomo contro la macchina'.


    BMW 1er M Coupé (2011).


    Con la BMW M3, la domanda è piuttosto un'altra. La sua potenza è più alta e dobbiamo offrire al cliente uno spettro maggiore di tratti caratteristici. Le BMW M3 ed M4 sono molto veloci in pista ma sono adatte anche per la guida su lunghe distanze, molto rilassati. Il nostro credo è quello di essere un tutt'uno con la macchina. L' usabilità di ogni giorno è sempre stata una delle caratteristiche essenziali della BMW M3 e rappresenta anche un importante pregio della nuova BMW M3 e M4.

    Signor Wimbeck, so che segue regolarmente un paio di blog e controlla il forum occasionalmente.

    Michael Wimbeck: Ho seguito l' attività online con grande interesse per diversi anni, perché ti dà una buona immagine di ciò che i fan e clienti vogliono e che cosa è che impegna il loro entusiasmo. Si può vedere ciò che ci viene chiesto e quali caratteristiche la gente si aspetti da un'automobile M. Sono sempre lieto di constatare l'entusiasmo e la competenza con cui i clienti e blogger si esprimono.

    Molto più spesso le auto sportive si avvicinano alla perfezione. Molti clienti l'hanno notato, ma hanno allo stesso tempo notato che rende il tutto un pò più noioso.

    Michael Wimbeck: In risposta a questa domanda, posso raccontare la mia esperienza personale: ero in viaggio con Florian Staiger ( LINK ) dal Garching al reparto sviluppo motori M a Monaco di Baviera, per discutere il tema della curva caratteristica del motore. Questo ha avuto luogo nel mese di gennaio e siamo stati in viaggio nella mia BMW M3 E92. Come sempre, avevo premuto il pulsante M e guidavo da Garching a Preussenstrasse con tutti i setup, incluso lo SPORT PLUS, al livello più estremo, in condizioni con oltre quattro centimetri di neve.


    Florian Staiger (a sinistra) abd DTM Race Driver Timo Glock.


    Dopo un po ', ho detto a Florian:' nonostante la copertura nevosa continua, posso guidare in pieno relax nella modalità SPORT PLUS. E nonostante il fatto che la BMW M3 non è effettivamente nata per questo tipo di guida. Questo è ciò per cui sono pensate modalità Efficient e Spor. Perché non aumentare le differenze tra le varie modalità di guida, sia che si tratti di acceleratore o sospensioni, freni, anche se l'auto finisce per essere a volte più difficile da guidare, per esempio in SPORT PLUS, in condizioni che sono in realtà inadeguate per quella modalità? Dopo tutto, ci sono tre modalità che il cliente è in grado di scegliere in base alle condizioni stradali prevalenti '.

    Christoph Smieskol: Volevamo girare la ruota posteriore un po'e dare alla vettura un pò della sua vecchia spigolositò, per trasformare le sue prestazioni in qualcosa che dia più valore all'esperienza. Ciò si riflette nel fatto che ancora offriamo il cambio manuale, perché i clienti ancora vogliono rapportarsi più consapevolmente con il funzionamento della macchina e con il dosaggio dell'acceleratore. Abbiamo anche voluto migliorare la risposta dei freni, dello sterzo e il telaio e rendere il veicolo e le sue reazioni ancor più dirette. Posso davvero sentire quello che sto guidando.




    È stato tutto subito entusiasta?

    Michael Wimbeck: In una società come la BMW AG, di cui la BMW M GmbH è una filiale, non è così facile da ottenere un veicolo con una posizione così unica nella produzione di serie. Abbiamo dovuto convincere molte persone che un veicolo come questo è una eccezione necessaria, perchè i clienti la aspettavano con ansia.

    Ci sono state diverse discussioni, in cui spesso ho sentito 'Mr Wimbeck, abbiamo bisogno di questo e quello per soddisfare i clienti più particolari' a cui ho risposto che dal mio punto di vista, ciò non si applica in maniera troppo rigida anche a una M. Perché per soddisfare i clienti più particolari, avremmo dovuto non considerare il 99% degli acquirenti.


    Turbocomrpessore del motore M TwinPower Turbo della nuova BMW M3 e M4.


    Un esempio è quando si sentiva il suono della wastegate ( LINK ), sis entivano fischi. Abbiamo detto che questo era caratteristico e che enssuno si sarebbe preoccupato sentendolo rilasciando il gas. In una vettura M, tale comportamento non solo è ammissibile, in realtà è desiderabile.

    Christoph Smieskol: Il tema del suono è molto sensibile nelle M. Ci sono molti rumori di funzionamento che consideriamo parte del carattere naturale della vettura. Se questi sono i rumori di aspirazione, il suono delle valvole di scarico aprendo, o suoni del cambio, essi indicano al conducente che cosa sta succedendo in macchina in un dato momento. A questo proposito, non è auspicabile attuirli troppo.

    Tuttavia, ci vuole un grande sforzo per convincere la gente. Come Michael ha già detto, la gente spesso pensa in maniera diversa a BMW AG - semplicemente a causa delle diverse esigenze che i clienti ripongono sui loro veicoli. Chi ha una BMW 320d potrebbe voler guidare trenta o 40 mila chilometri l'anno con il minor fastidio possibile. Ma i nostri clienti vogliono sperimentare qualcosa ogni giorno. Sono affascinati dalla guida guida, spesso le richieste di una M sono totalmente da quelle della produzione di serie.

    Michael Wimbeck: E 'stato molto importante che tutti abbiamo marciato nella stessa direzione e siamo stati supportati quando si trattava di convincere le persone. Questo è ciò che in ultima analisi ci ha permesso di alzare un pò l'asticella.

    E credo che questo era anche una delle chiavi del nostro successo: abbiamo impostato la rotta giusta in una fase iniziale, e poi tutti hanno perseguito quel corso con noi.

    Tutto sommato, la berlina BMW M3 e la BMW M4 Coupé sono entrambe vetture che raggiungono livelli per quanto riguarda la dinamica di guida interessati. Ad esempio, la BMW M3 ha ora anche un tetto in CFRP. Come si è arrivati ​​a tanto?

    Christoph Smieskol: Quando abbiamo iniziato questo progetto, abbiamo condotto un'analisi molto precisa delle aspettative dei nostri clienti: quelli che guidano una berlina BMW M3, quelli che preferiscono una Coupé, ecc.. rivelando, un po 'sorprendentemente, che Sentrambi avevano esigenze ed aspettative quasi identiche. Non era certo il caso in cui la berlina veniva vista come più "tranquilla". Entrambi i tipi possono essere visti come spesso in pista, per esempio. La decisione in favore di una berlina quattro porte è effettuata sulla base di esigenze familiari o preferenze personali. Questo era un segnale per noi per creare una coppia di "gemelli non identici".

    Abbiamo anche fatto in modo sin dall'inizio che non solo la BMW M4 Coupé, ma anche la BMW M3 Sedan e BMW M4 Cabrio fossero costruite con i componenti più leggeri sono possibili.


    I "gemelli non identici".