Close

Campagna Rinnovi 2017 Calendario 2017
  • Paul Rosche: ci lascia ad 82 anni il papà della BMW M1 e BMW M3

    Paul Rosche: ci lascia ad 82 anni il papà della BMW M1 e BMW M3. Suoi i natali anche del 1.5 Turbo 4 cilindri della Brabham che ha vinto il mondiale piloti a Nelson Piquet

    Paul Rosche: ci lascia ad 82 anni il papà della BMW M1 e BMW M3. Suoi i natali anche del 1.5 Turbo 4 cilindri della Brabham che ha vinto il mondiale piloti a Nelson Piquet. Uno dei tecnici più importanti nella storia del BMW Group è venuto a mancare. Paul Rosche, che ha lavorato per BMW in vari ruoli tra il 1957 e il 1999, è morto all’età di 82 nella sua città natale di Monaco di Baviera questo Martedì. Il direttore di BMW Motorsport Jens Marquardt, così commentato:
    “Siamo tutti molto addolorati per questa notizia. Paul Rosche non solo ha rappresentato ed ha caratterizzato l’azienda ed il marchio BMW con la sua passione, la sua visione e la sua immensa esperienza tecnica nel corso di molti decenni in azione in pista. I risultati del suo lavoro – non importa in quale auto o in quale serie – sono stati spesso pietre miliari di abilità tecnica. La perdita di Paul Rosche è una perdita di una personalità eccezionale per BMW Motorsport e BMW M. Ha costantemente ridefinito i limiti di ciò che era tecnicamente possibile. Noi preserveremo questo spirito in BMW Motorsport. Le nostre più sentite condoglianze vanno alla sua famiglia e gli amici. “

    Quarantadue anni di successi al servizio BMW

    La progettazione degli alberi a camme sportivi per motori da competizione, è stata sempre la zona preferita di Paul Rosche, che è il motivo per cui è stato dato il soprannome di ‘Nocken-Paule‘. Nel 1957, subito dopo la laurea, entra a far parte di BMW e, nel corso dei suoi 42 anni come dipendente, ha guidato l’azienda in Formula Uno per due volte. Prima di entrare in BMW Motorsport GmbH nel 1975 come responsabile della progettazione dei motori di produzione e da corsa della BMW M1, Rosche è stato coinvolto nel reparto di ricerca e sviluppo con da Alexander von Falkenhausen. Nel 1969, ha progettato il motore 2 litri turbo con la quale BMW ha vinto il Campionato Europeo Turismo.

    Un passato in Formula Uno

    Nel 1980, Rosche, come Managing Technical Director di BMW Motorsport GmbH, insieme a Dieter Stappert, ha gettato le basi per il primo impegno in Formula Uno di BMW, e, come responsabile del progetto del motore, è stato anche un fattore chiave per il successo dei motori BMW nell’era del turbo. Rosche ed il suo team si sono riferiti ad un’unità di produzione a quattro cilindri di solo 1,5 litri, in un potenziale vincitore del campionato del mondo. Sedici valvole, turbocompressore e – primizia per la Formula Uno – elettronica digitale del motore, che hanno contribuito ad una potenza iniziale di circa 800 CV.

    Il mito dei 1500 CV

    La Brabham BMW ha debuttato alla griglia del via della stagione 1982; appena 630 giorni dopo Nelson Piquet ha vinto il campionato del mondo. Nel 1987 l’unità turbo aveva nove vittorie Grand Prix sotto la sua nomenclatura ed il suo potenziale sembrava quasi inesauribile. Alla domanda su potenza massima del motore F1, Rosche una volta ha risposto nella sua inimitabile maniera irresistibile: “Dovrebbe aver tirato fuori circa 1.400 CV; non lo sappiamo con certezza, perché il banco prova non è andato al di là di 1.280 CV. “

    Rosche ha dato una mano nella BMW M3 e nella BMW V12 LMR

    Il trionfo in Formula Uno è stato il più spettacolare, ma lontano da un successo in solitaria generato dalle idee del tecnico purosangue nato a Monaco nel 1934. Altre unità che sono venute da Rosche erano i grandi 2.0 litri a quattro cilindri con quattro valvole per cilindro, che collezionato più di 150 vittorie e sei titoli nel Campionato Ruropeo di Formula 2, così come il motore V12 da 6,0 litri che ha vinto la gara di le Mans nel periodo 1995-1999. Inoltre, lo stesso Rosche, ha assistito allo sviluppo del motore della prima generazione di BMW M3, che doveva essere la base della vettura touring di maggior successo nel mondo, nonché una vettura che donasse un nuovo tipo di piacere di guida su strada. Dopo il ritiro dalla Formula Uno di BMW nel 1987, Rosche continuato come Managing Technical Director della BMW M GmbH fino al 1996. In seguito, come Direttore Tecnico ed Amministratore Delegato di BMW Motorsport Limited, ha guidato la BMW in Formula Uno come un costruttore di motori per un seconda volta. Nel 1999, Rosche si è ritirato per la meritata pensione.

    fonte: bmwNEWS